14 giugno 2012 20:00Il terremoto

Quanti ne ho sentiti e che brutti ricordi affiorano. Queste spiacevoli esperienze devono avermi lasciato il segno, o meglio una crepa tanto per rimanere in tema. Quasi mi da fastidio il solo sentirne parlare e ancor di più ironizzarci sopra, fosse anche solo per sdrammatizzare.

Per oltre trent’anni ho vissuto al 5° ed ultimo piano di un palazzo, dove a 20 metri d’altezza si avvertono davvero bene pure le scosse meno importanti. Da qualche anno invece abito al 1°: fortunatamente la differenza è notevole, qui si sentono appena. Sì, al primo piano sei un po’ soffocato dalle case circostanti e mi manca la visuale panoramica di prima, ma ciononostante mai più vorrò abitare in alto!
Continua a leggere

1 commento

7 giugno 2012 20:00Mazinga

Di tanto in tanto mi viene voglia di guardare un episodio di vecchi cartoni animati che seguivo da bambino, forse per curiosità, o magari nostalgia.
Andavano tanto di moda i “robottoni” che combattevano contro gli alieni invasori. Moda per fortuna cambiata, roba che onestamente non farei guardare a mio figlio. Un po’ violenti e con nemici spesso mostruosi, mi domando come non mi causassero incubi la notte.
Continua a leggere

Lascia un commento

4 giugno 2012 19:30Lo sciroppo del 21esimo secolo

Ma quant’è difficile dare lo sciroppo ad un bambino?!
Da qualche giorno mio figlio sta male. Già era difficile con quelli “buoni” per la tosse, dolcissimi. Ora tocca ad uno dei “cattivi“, amaro.
Che tragedia tutte le volte! Bisogna tenere il bambino con la forza, meglio se in due perché grida e si divincola disperatamente, e non appena apre la bocca sparargli giù lo sciroppo con l’apposita siringa dosatrice. Siringa la cui capienza tra l’altro non sempre è sufficiente per la dose necessaria, quindi va pure ricaricata raddoppiando di conseguenza la tortura.
Continua a leggere

Lascia un commento

26 maggio 2012 13:51La caduta dell’hard-disk

E’ successo.
Una sera torno a casa dopo il lavoro e sulla scrivania noto il disco esterno del Mac in una posizione del tutto innaturale.
Oddio! La donna delle pulizie! Scommetto che l’ha fatto cadere! Colpa mia, era a rischio: pochi giorni prima avevo malauguratamente pensato “quell’hard-disk rischia di cadere, poggia contro il muro e se la donna delle pulizie spostasse la scrivania cadrebbe di certo… ma dai, perché mai dovrebbe spostarla?“.
Me la sono cercata.
Continua a leggere

Lascia un commento

24 maggio 2012 23:06NOP

(http://www.nicolettalupi.com/blog.php)

Da quando l’ho vista, questa foto continua a tornarmi in mente.
E pensare che fino ad un paio di anni fa ero, se non il re, almeno il principe degli insensibili. Di certo non avevo passione per i bambini, mi erano indifferenti.
E’ proprio vero che un figlio ti cambia la vita, e non solo in senso pratico.
Tutte le volte che accompagno mio figlio all’asilo invidio il lavoro delle maestre, circondate da bimbi felici e sorridenti. Poi vado al lavoro, nel mio spoglio e solitario laboratorio, tra microchip, resistenze e condensatori. Ma che lavoro mi son scelto?!   😡

Lascia un commento