19 agosto 2010 15:00Comprare casa: in tribunale (seconda parte)

 

“Io la denuncio!”

…quando sentirò questa frase, d’ora in poi non potrò rinunciare ad una sonora risata. Come conseguenza del raggiro che stavamo per subire acquistando casa, vuoi per rabbia, vuoi per frustrazione decidemmo di portare la cosa in tribunale. In questo articolo riporto la mia esperienza e delusione al riguardo. Non sulla sentenza perchè deve ancora arrivare… con comodo, sono trascorsi solo 3 anni e ne deve trascorrere ancora un altro!

Premetto che non ero mai stato in un’aula di tribunale.
Un problema cronico dei tribunali si sa, come evidenziato più volte anche da Striscia La Notizia, è la mancanza di controlli di sicurezza; quello della mia città non è da meno, più volte siamo entrati senza che ci fermasse nessuno anche se i metal detector suonavano e lampeggiavano come alberi di Natale. Non credevo potesse entrare chiunque e così facilmente.

Continua a leggere

1 commento

19 agosto 2010 14:30Tralicci umani

Guardate che belli, anche se forse un pò inquetanti questi giganti:

(tratto da la Repubblica.it)

Per deturpare meno i paesaggi, ecco i tralicci elettrici a forma di uomini.  E’ il progetto “Land of Giants” che, escluso dal concorso indetto da una compagnia di elettricità islandese, si è comunque guadagnato il premio della prestigiosa Boston Society of Architects destinato ai migliori progetti di architettura rimasti irrealizzati. Ideati dallo studio statunitense Choi + Shine, i tralicci-umanoidi sono alti 45 metri, costruiti in cemento, vetro e acciaio e possono essere piegati così da far assumere alle “sculture” varie posizioni.
(v. f.)

Lascia un commento

13 agosto 2010 18:08Comprare casa: attenti alle PEEP! (prima parte)

Acquistare casa è tra gli eventi più importanti della nostra vita. Vorrei raccontarvi la mia disavventura con lo scopo di mettervi in guardia su cosa potrebbe accadere. Se questo un domani risulterà utile anche ad uno solo di voi, significherà che questo blog è andato già oltre le sue aspettative.

Riporterò la mia esperienza, cercherò di essere breve per non annoiarvi e non farò nomi per non violare la privacy di nessuno.

Continua a leggere

52 commenti

5 agosto 2010 14:42Hacker oggi

Ai tempi, penso di essere stato un ottimo programmatore del Commodore 64. Non ai massimi livelli, ma insomma ero parecchio “dentro”, conoscevo benissimo l’assembler, il sistema operativo del 64 e l’hardware. Successivamente anche su Amiga me la cavavo niente male, non come col 64 (era più semplice!) ma comunque avevo conoscenze superiori alla media.

O almeno così credevo.

Oggi, quando leggo articoli come questo, tratto recentemente da punto-informatico …impallidisco!!

“In particolare l’exploit usato dall’hacker che ha scritto JailbreakMe sfrutta una vulnerabilità nel caricamento di un file .pdf veicolato attraverso Safari mobile: inserendo un opportuno codice eseguibile all’interno dei font integrati nel documento da scaricare, è possibile provocare uno stack overflow azzerando le misure di sicurezza di iPhone e prendendo il controllo totale del sistema.”

D’accordo, tutto è diverso dai ‘miei tempi’ ma accidenti, che testa bisogna avere per scovare una cosa del genere? Una vulnerabilità di un browser, che, quando carica un documento PDF, se nei font integrati nel documento c’è del codice… come la vai a pensare una cosa del genere?! E soprattutto come te ne accorgi del bug?!

Il titolo non rende giustizia, ma lì per lì non mi venivano in mente altri termini per definire questi, probabilmente adolescenti, massimi conoscitori dei moderni sistemi informatici.

E’ vero che non me ne interesso più da anni, comunque sia i sistemi di oggi mi sembrano talmente… blindati e sofisticati… il massimo che riesco a fare con un browser è forzarne la chiusura quando si blocca!

😯

Lascia un commento

28 luglio 2010 23:57Blog e Alterbug

Oggi ho inserito il link al blog nella homepage. Non so fin quando lo aggiornerò ma ormai mi ci sono affezionato e mi secca cancellarlo.

Inoltre oggi Altervista mi ha incrementato il livello del database per cui posso sfogarmi quanto voglio col mio piccolo misero blog che certamente non sforerò mai il limite di query/ora.
Casualmente, ho scoperto un bug di Altervista che in certe condizioni consentiva di superare il limite di spazio disco consentito. Cioè si potevano salvare sul sito più megabyte di quelli consentiti senza che Altervista se ne accorgesse.
Avrei potuto semplicemente stare zitto e approfittarne, ma invece un pò per rispetto verso Altervista che offre un ottimo servizio gratuito, un pò per pignoleria nel voler vedere che il mio calcolo dello spazio disco fatto in php coincidesse con quello del server, ho segnalato la cosa sul forum. E così gli amministratori hanno trovato il problema.
Quando penso che Altervista ospita oltre un milione di siti, non riesco a nascondere la mia soddisfazione per il contributo dato e ancor meno per il premio ricevuto. 🙂

Lascia un commento