30 marzo 2011 19:00 I seccatori: stop alle telefonate

Tempo fa avevo scritto a proposito delle compagnie telefoniche che troppo spesso chiamano e richiamano proponendo le loro offerte. E’ capitato persino di domenica.

Proprio l’altra sera addirittura due chiamate a distanza di appena 15 minuti! La prima dell’ormai immancabile Fastweb, subito dopo una new-entry in casa Bizzarri: Telecom Italia. Curioso il fatto che quest’ultima mi considerava un ex abbonato e mi proponevano il rientro: da sempre ho Tiscali e non sono mai stato loro cliente; non hanno le idee molto chiare.

Questa volta “il contatto” è stato produttivo: alla mia ennesima lamentela per le continue chiamate l’operatrice di Fastweb, corretta e cordiale, mi ha suggerito di registrarmi nella lista di coloro che non vogliono essere disturbati.

Lista?! Quale lista?! Mai sentita nominare!

Al che mi sono informato ed ho trovato questo articolo del sole24ore.
Finalmente una soluzione!

Dal 31 gennaio 2011 esiste il registro delle opposizioni per porre fine alle telefonate pubblicitarie. Pensavo fosse complicato registrarsi, invece è molto semplice e lo si può fare anche via web con il solo codice fiscale.
Naturalmente ho subito iscritto il mio numero telefonico e mi auguro di non essere più disturbato da questi seccatori e le loro offerte commerciali.
Speriamo funzioni.

Una risposta a I seccatori: stop alle telefonate

  1. Roberto scrive:

    Non a tutti funziona.
    Io non ricevo più telefonate, i miei genitori invece sì (sono trascorsi più di 6 mesi dall’iscrizione al registro).
    Ho quindi segnalato la cosa al Gestore del Registro Pubblico delle Opposizioni che mi risponde così (spero di evitarvi perdite di tempo dandovi subito la “soluzione”):
    gli operatori che utilizzano per i contatti fonti diverse dagli elenchi telefonici pubblici possono – secondo la normativa in vigore – chiamare coloro che hanno fornito ai soggetti terzi un esplicito consenso al trattamento dei propri dati personali. Tale consenso potrebbe essere stato raccolto durante la stipula di un contratto o all’atto di adesione a servizi (per esempio tessere di raccolta punti). Si precisa che anche l’iscrizione al Registro Pubblico delle Opposizioni non vieta chiamate provenienti da fonti diverse dagli elenchi telefonici pubblici.
    In base all’art.7 del Codice in materia di protezione dei dati personali è possibile richiedere la revoca del consenso concesso a terzi, inviando l’apposito modulo con la richiesta al titolare del trattamento dei dati. Un fac simile del modulo perr richiedere la cancellazione dei dati si trova sul sito del Garante per la Privacy al seguente indirizzo:
    link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *