31 ottobre 2014 14:00 Antifurto CommPact: finalmente!

commpact-kitE’ da tanto che spero di trovare un sistema affidabile e controllabile anche da remoto (SMS, Internet, smartphone), ma soprattutto che avesse costantemente la situazione sotto controllo (sensori supervisionati).

Mi ero accorto, per caso, che il mio vecchio antifurto non riceveva più il segnale (trattasi di sistemi senza fili, wireless) da uno dei sensori più importanti perché distante dalla centralina e posizionato in luogo difficile (ostacoli). E’ stato questo il principale motivo a persuadermi sulla reale (!) necessità di passare a qualcosa di più moderno: voglio essere informato se un sensore è inattivo, fuori portata radio o guasto senza dovermene accorgere per caso! Se a questo pretesto aggiungiamo la passione, la voglia di qualcosa di nuovo… è fatta, sono convinto!  😉

Ed ecco che a fine estate l’ho comprato. Si chiama CommPact ed è prodotto dalla Electronics Line, azienda leader nel settore antifurto.
L’ho acquistato online su eurox10.com un sito portoghese che lodo subito per il supporto tecnico efficientissimo; nel giro di pochissime ore mi hanno sempre risposto in maniera molto competente e risolutiva: eccellente!
Perché l’ho acquistato all’estero? In Italia lo stesso prodotto lo tratta la RISCO, gruppo del quale fa parte anche la Electronics Line: tuttavia non può essere comprato direttamente e montarlo da sé, ma tramite installatore autorizzato.
Perché?
Ci ho messo poco a capirne il motivo (per lo meno uno dei motivi), dopo aver letto e riletto il corposo manuale d’installazione: complicatissimo! Eppure non sono un neofita, ne capisco di questi aggeggi… ho incontrato serie difficoltà nella configurazione, le opzioni sono numerosissime!   😕

RP1 (1)RP1 (2)Dopo aver trascorso frustranti giornate dietro la configurazione (in verità è sì complicato, ma sto esagerando, siccome sono pignolo voglio conoscere e capire tutto delle singole funzionalità!) finalmente trovo la via: esiste un software che permette di configurare l’unità collegandola tramite USB!!! Si chiama Remote Programmer e rende il tutto moooolto più facile, altrimenti col tastierino e le due misere righe del display si impazzisce.
L’ho trovato quasi per caso, chiedendo all’assistenza tecnica di eurox10.com a cosa serve la porta USB della centralina poiché non è riportato sul manuale!!!
Software pronto, CommPact collegata all’USB del computer… ecco che non va, avviare la comunicazione tra i due dispositivi è tutt’altro che intuitivo! Ancora una volta mi sono dovuto servire dell’assistenza tecnica che mi ha spiegato l’ennesima procedura non documentata da nessuna parte!

A mio avviso la principale colpa delle difficoltà che ho incontrato è legata al manuale e non alla quantità di opzioni: andrebbe organizzato diversamente per facilitarne la comprensione. E senza importanti omissioni!
La parte che ho trovato più complessa e poco chiara è stata quella relativa alla notifica di un allarme tramite linea telefonica.

Non ho intenzione, né voglia, di scrivere una recensione del CommPact; mi limito a riportare pregi e difetti secondo il mio punto di vista e la mia esperienza. Ce l’ho in funzione da un paio di mesi e ne faccio uso quotidianamente.
Ho comprato il modello completo, con linea telefonica tradizionale (PSTN), GSM/GPRS e accesso a vita al server myELAS che ne consente il controllo tramite Internet (altrimenti credo vada fatto un abbonamento).

Pregi

  • Sensori supervisionati… significa che circa ogni ora questi trasmettono alla centralina la loro presenza. Se uno di loro non si fa vivo viene notificato il problema.
  • I sensori magnetici informano anche sullo stato aperto/chiuso della porta o finestra a cui sono collegati. Quindi è impossibile attivare l’antifurto “dimenticando” una finestra aperta. Funzione comoda anche quando non è necessario armare il sistema, permette di sapere se c’è qualcosa di aperto magari su un altro piano dell’abitazione (garage ecc.).
  • I sensori trasmettono la condizione di batteria scarica alla centralina che prontamente la notifica.
  • Di ogni sensore è possibile visualizzare l’intensità dell’ultima trasmissione radio.
  • Chiamate in caso di allarme effettuate sia su linea tradizionale che GSM, nel caso una non fosse funzionante.
  • Ad ogni sensore può essere assegnato un nome per un’identificazione più intuitiva: leggere FINESTRA CUCINA APERTA invece di ZONA 12 APERTA è assai meglio!
  • E tanto altro… è tutto studiato davvero benissimo (addirittura hanno pensato ad un codice per disarmare il sistema sotto costrizione che apparentemente termina la condizione di allarme, ma in realtà effettua lo stesso le telefonate di notifica).

 

Difetti

  • Complicato! Consiglio vivamente di utilizzare l’apposito software di configurazione da USB. Occorre un insolito cavo a due connettori di Tipo A che volendo lo si può realizzare da sé tagliandone due dei più diffusi (vedi immagine).
  • Di difficile comprensione la parte relativa alle comunicazioni. Ho sofferto prima di capire che quanto interessava me era soltanto una voce mentre tutto il resto erano protocolli di comunicazione dedicati alla notifica degli allarmi a Centri di Sorveglianza.
  • Sarebbe stato bello poter configurare, in base al tipo di allarme, diversi gruppi di numeri telefonici da chiamare… invece CommPact qualsiasi cosa accada chiama sempre e solo lo stesso gruppo di numeri.
  • Sensori costosi, ben studiati, precisi e di ottima qualità, ma cari.

 

app_2app_1Concludo con un’ammissione: per quanto sia “una figata” poter controllare la situazione (status sensori) via Internet, armare e disarmare il sistema… la concreta utilità è veramente limitata, personalmente se non per la sola curiosità non ne ho mai avuto bisogno.
Si tenga presente che le operazioni più importanti possono essere fatte anche scambiando SMS con la centralina.

 

In conclusione…
Acquisto consigliato? SI!
Se avete problemi contattatemi, ormai sono espertissimo del CommPact.

 

 

P.S.
## Se vi spaventa l’acquisto internazionale date un’occhiata all’italiano Antifurto-Kit che al momento rivende i prodotti succitati.
## Dello stesso produttore valutate anche l’iConnect 2-Way; è una versione evoluta del CommPact in grado di utilizzare sensori bidirezionali, ovvero configurabili da centralina. Inoltre può impiegare dei PIR con fotocamera che quando rilevano un movimento non solo lo notificano ma scattano pure una foto poi visibile da remoto. A parte l’estetica discutibile della centyralina, ovviamente il suo costo e relativi sensori e maggiore rispetto al CommPact.
## Ultimissimo suggerimento, se avete tanti soldi da spendere, valutate anche i prodotti della Fibaro… bellissimi. Non ho approfondito per evitare di cadere in tentazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *